Piazza Alicia

[:it]Pin-P In ricordo di “Halicyae”, antico nome della Città, la piazza ospita i due principali edifici che rappresentano i poteri che regolavano la vita dei suoi cittadini: il Castello Normanno-Svevo e i ruderi dell’ex Chiesa Madre.

ali1

È tempo di rilassarsi dopo aver percorso tanta strada e tutta in salita. Esplorate la piazza o sedetevi a bere qualcosa di fresco.

ali2

ali3

Sulla scelta del luogo per l’edificazione di questa roccaforte esistono diversi racconti, noi vogliamo proporvi quella dei tre fratelli.

La leggenda dei due fratelli
Si narra che un tempo un fratello e una sorella, contendendosi i diritti su questi territori, decisero di sfidarsi in una gara: il primo che avesse completato la costruzione di un castello sarebbe diventato il signore di queste terre e ne avrebbe annunciato la vittoria sparando un colpo di cannone.

I lavori cominciarono e richiesero molto tempo e manodopera. Quando i due castelli furono quasi ultimati la sorella diede ordine di far fuoco col cannone, nonostante la sua fortezza non fosse ancora finita. Il fratello, sentendo lo sparo e credendosi sconfitto, ordinò l’interruzione dei lavori e annunciò alla sorella che il giorno dopo sarebbe giunto ad ammirare il suo castello e dichiararla vincitrice. La donna, messa alle strette,  fece intensificare i lavori e nel giro di una notte ultimò il castello divenendone la sua signora.


Torna alla Mappa

[:en]Pin-PIn memory of “Halicyae”, the city ancient name, the square is home to the two main buildings that represent the powers that governed the lives of its citizens: the Arab-Norman castle and the ruins of the former chiesa madre (Mother Church).

ali1

It’s time to relax after walking a long way uphill. Explore the square or sit down to drink something cool.

ali2


Torna alla Mappa

[:Si]Pin-P In ricordo di “Halicyae”, l’anticu nomu di la Città, a piazza ospita i du principali edifici chi rappresentanu i poteri che regolavano a vita di i so’ cittadini: u Casteddu Nurmannu-Svevu e i ruderi dell’ex Chiesa Madre.

ali1

Ora dopu tutti sti acchianati è tempu chi pigghiamu sciatu e damu tregua a li peri. Taliativi in giru, esplorate a piazza o assittativi e bivitivi na cosa frisca.

ali2

ali3

Su comu fu scelto stu postu pi costruiri u casteddu esistinu diversi raccunti tra cui chiddu di li du’ frati.

A leggenda di li du’ frati
Un tempu un frati e na suru, contendendosi i diritti su chisti territori, decisero di sfidarsi n’ta na gara: u primu chi avissi completatu a costruzione d’un casteddu sarebbe addivintatu u signuri di sti terri e sparannu un corpu di cannuni non appena chi lu casteddu fussi completatu ne avrebbe annunciato a vittoria.

I lavori accuminciarunu e ci vosi assai tempu e manovalanza. Quannu i du’ casteddi furono quasi lesti a soru diede ordine di fari focu cu’ cannuni, anche se unn’avia finutu. U frati sintennu a cannunata, pinsannu chi avia persu, fici firmari i lavori e mannau dittu a la soru che l’indomani fussi arrivatu pi ammirari l’opera. Allura a fimmina, avennu sulu un jornu, fici chiamari avutri operai e n’ta na notti fici completari u so casteddu e accussì diventò a signura di sti terri e di stu casteddu.


Torna alla Mappa

[:]