Via Amendola

[:it]Pin-C Meglio conosciuta come “Strata Mastra” (strada maestra) è la via che insieme a via Crispi delimita il centro storico.

Partendo da Ico-PinBlackPiazza Libertà si raggiungono il Ico-PinBlackBelvedere, Ico-PinBlackPiazza Simone Corleo, la chiesa di Ico-PinBlackSant’Agostino con il suo splendido Ico-PinBlackchiostro, Ico-PinBlackPiazza Dittatura, la chiesa di Ico-PinBlackSan Giuseppe, Ico-PinBlackPorta Gibli ed infine si torna in Piazza Libertà.

017

Qualcuno afferma di aver lanciato una pietra all’ingresso della “Strada Mastra” e che questa, con una serie di rimbalzi e rotolamenti, abbia fatto tutto il giro per poi ritornare in piazza.

Questa è la via dei negozi e cuore pulsante della vita cittadina, nonché teatro di imprese gloriose.

Come quando qualcuno per scommessa la percorse in auto tutta di retromarcia.

Queste sono alcune delle storielle che nascevano e si raccontavano lungo queste vie.

Immaginatevi come poteva essere questa strada tanti anni fa, con le “putie” (negozi) dei calzolai, degli artigiani, dei fruttivendoli. Fin dalle prime ore del mattino doveva essere un brulicare di gente che con piccoli carretti o a spalla riforniva i negozi delle merci che da li a poco altre persone sarebbero venute ad acquistare. L’odore del pane e dei biscotti misto a quello del caffè, della frutta e poi carne, pesce, spezie. Le signore che sceglievano le stoffe o un bel paio di scarpe nuove. Il barbiere che apriva la porta al primo cliente e mandava il ragazzo a prendere il giornale e due caffè.

Sembrano tempi lontani, ma scoprirete che nei negozi in cui state per imbattervi è rimasto quello spirito di umana cordialità che avete appena vissuto nella vostra mente.

Provate ad avvicinarvi ad una delle vetrine, pensate a come doveva essere anticamente, e poi entrate. Forse ritroverete quell’atmosfera, o forse no. Ma per un sorriso e una parola gentile siete ancora in tempo.




Booking.com

Torna alla Mappa

[:en]

Better known as “Strata Mastra” (main road) together with Via Crispi, are respectively the entrance and the exit of the historic city center.

Starting from Ico-PinBlackPiazza Libertà we’ll reach the Ico-PinBlackBelvedere, Ico-PinBlackPiazza Simone Corleo, Ico-PinBlackSant’Agostino’s Church with its beautiful cloister, Ico-PinBlackPiazza Dittatura, Ico-PinBlackSan Giuseppe’s Church, Ico-PinBlackPorta Gibli and finally back to Piazza Libertà.

017

Once someone said that threw a rock at the entrance of the Strada Mastra, with a series of bounces and tumbles, it had done all the way around, and then back to the square it stoped.

This is the shops street and the heart of the city life, as well as the scene of glorious deeds.

Like when someone bet that he would drive on reverse gear through the Strada Mastra.

These are some of the stories that were born and were told along these streets.

How it could appear these old iconic street many years ago, with “putie” (small shops), like, shoemakers, craftsmen, grocers. From the first hours of the morning, peoples with small wooden carts or small baskets supplied the shops with goods untill soon after other people would come to buy them. The smell of bread and biscuits mixed with that of coffee, fruit and then meat, fish and spices. Housewifes chosing fabrics or a nice new pair of shoes. The barber who opened the door to the first customer and sent the boy to pick up the newspaper and two coffees.

Distant times but today you will find that the shops in which you are about to encounter remained that spirit of human kindness that you just throughts in your mind.

Get close to one of the shops windows, get the vibe of a time long gone, and then enter. Maybe you end up in that atmosphere, or maybe not. But for a smile and a kind word you are on time.




Booking.com

[:Si]Pin-C Canusciuta comu “Strata Mastra” è la via che assemi a via Crispi delimita u centru storicu.

Partennu da Ico-PinBlackPiazza Libertà s’arriva al Ico-PinBlackBelvedere, Ico-PinBlackPiazza Simone Corleo, a chiesa di Ico-PinBlackSant’Agostino e u so beddu Ico-PinBlackchiostru, Ico-PinBlackPiazza Dittatura, a chiesa di Ico-PinBlackSan Giuseppe, Ico-PinBlackPorta Gibli e pi finiri si torna in Piazza Libertà.

017

Qualcunu dissi chi na vota scagghiannu na cuti intra a  “Strada Mastra” chissa sbattennu e ruzzuliannu, fici tuttu u giru e nusciu n’ta u chianu.

Chissa è a strata di li putii e centru di la vita di lu paisi. Tanti cosi si vannu cuntannu e fu teatru d’impresi gloriosi.

Comu quannu unu pi scummisa s’à fici tutta ‘i retromarcia.

Pinsati comu putia essiri sta strata a tempi antichi. china di putii di scarpari, virdurari, vucceri e artigiani. Di prima matina tanti cristiani nisciano pi pigghiari e purtari a merci a spalla o cu li carretti. Avutri si facianu u giru pi accattari o sulu pi fari curtigghiu. U ciavuru du pani e li viscotta sciuti da lu furnu mmiscatu a chiddu di lu cafè,  da a frutta e poi carni, pisci spezie. I fimmini ianu firriannu nzémmula pruvannu robbi o scarpi. U varvere rapia a porta pi fari trasiri u primu clienti e mannava l’arzuni a pigghiari u giurnali e du’ cafè.

Parinu tempi luntani e chi tuttu si finiu ma dintra qualchi putia arristau ancora n’anticchia di du spiritu.

Avvicinativi a na vetrina, pinsati comu putia essiri na vota, e poi trasiti. Siti ancura n’tempu p’un sorrisu e na parola gentili.




Booking.com

Torna alla Mappa

[:]